Intercultura a Roma : sciocchi e scioccati ?

a cura della Redazione.

Alcuni giorni fa a Roma si è svolta un’intera giornata dedicata alla Formazione Professionale per l’INTERCULTURA. Ideata e organizzata da una delle associazioni attive da anni nella capitale nel mondo delle Migrazioni e della Convivenza Civile, la Fondazione InterCammini www.intercammini.org, in collaborazione con l’Università La Sapienza di Roma Dip. Studi Europei Americani e Inter-Culturali.

La giornata era divisa in due parti: la mattina sotto forma di convegno con una serie di interventi e testimonianze di esperti in diverse aree,  il pomeriggio con due Laboratori esperienziali tematici, uno sulla gestione dello shock nelle Relazioni Interculturali e un altro sul Decentramento Culturale. L’iniziativa era rivolta ad un pubblico misto : Studenti dell’Università e Operatori Sociali. E’ stata una proposta di incontro molto interessante che ha ottenuto un successo di partecipazione significativo con una prima caratteristica che riteniamo necessario sottolineare : degli oltre 50 partecipanti ( fra studenti e operatori ) la quasi totalità erano giovani donne e solo 3 uomini : ci sarà una ragione ? Non è l’unico caso degli ultimi anni ed anche questo indubbiamente rafforza la constatazione del protagonismo femminile che si estende almeno in Italia nei settori dell’Impegno SocioCulturale, della Solidarietà, della Cooperazione Internazionale.

La particolarità e la originalità disciplinare della giornata di studio e di scambio era proprio insita nell’approccio metodologico che la Fondazione InterCammini propone da anni : l’importanza di maturare una coscienza e soprattutto una capacità umana e professionale nell’affrontare l’Interculturalità della società contemporanea attraverso l’ autocoscienza degli Shock Culturali che ognuno vive e quindi la gestione del loro superamento. La psicologa ebreo-tunisina M.Cohen Emerique ha elaborato tale teoria e metodologia che la Presidente di InterCammini  Cinzia Sabbatini ha riproposto in Italia ed anche a Roma con numerose attività, seminari, laboratori, sperimentazioni in diversi ambiti sociali, integrando tale metodologia con la tradizione del Teatro dell’Oppresso e quella dei Laboratori Autobiografici.

E così la giornata ha offerto l’occasione di confrontare con molta passione e attenzione esperienze specifiche svolte negli ultimi anni da alcune associazioni diverse fra loro, grandi e piccole, laiche e religiose, con un approccio simile che è stato analizzato e testimoniato. Dalla Caritas Roma nel settore sanitario ( Fulvia Motta ed Anna Onorati ) , alla onlus Asinitas ( Elena Canestrari ) in ambito sociale in due quartieri di Roma, dal Cesie di Palermo sia in alcune Scuole Materne che in centri di assistenza sociosanitaria ( Alessandra Cannizzo ), alla stessa InterCammini in alcuni laboratori ( Alessia Cristofanilli e Angela Barlotti ), da un gruppo di giovani studenti europei Yobbo- Youth Beyond Borders e dalla sua giovanissima coordinatrice ( Shata Diallo ) in diversi incontri svolti in più paesi dell’UE.

La mattinata è stata inoltre introdotta dal formatore professionista Pasquale D’Andretta e arricchita dalle relazioni di alcuni docenti sia del Dipartimento di Mediazione Linguistica Interculturale sia di quello di Pedagogia ( Stefano Tedeschi, Anna Salerni, Silvia Zanazzi ). I due Laboratori hanno sperimentato la necessità di rompere semplicissimi blocchi psicofisici anche fra le nuove generazioni nel provare a passare dalle teorie alle pratiche anche fisiche corporee di relazione con gli “altri”.

La sfida contemporanea delle Società Inter Etniche sempre più estese e complesse deve essere affrontata andando oltre la generosa solidarietà, il volontariato o la militanza politico sociale ed anche oltre le accuse facili di razzismo a chi non accetta e respinge : servono conoscenza, coscienza, metodo, impegno, per maturare individualmente e aiutare tutti ad una maturazione collettiva nella relazione e per una “integrazione reciproca”, non a senso unico ed obbligatorio.

Altrimenti rimaniamo sciocchi e scioccati !

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*